I trasporti a Bali: consigli su come muoversi

Atterrati al nuovissimo aeroporto di Denpasar (rinnovato nel 2014) abbandonate la vostra idea di trasporti pubblici. Abbandonate l’idea di cercare una stazione per prendere un treno o di comprare un biglietto per un autobus.

Parlare dei trasporti non è semplice dato che arriviamo da un paese in cui bene o male i trasporti pubblici esistono. Qui non proprio! Non esistono binari quindi niente treno, tantomeno la metropolitana, e se cercate dei pullman non troverete quelli che avete in mente.

E allora come muoversi a Bali?

Niente di più semplice. Potete scegliere a seconda delle distanze 7 tipi di trasporto.

1. DRIVER- Per le lunghe distanze.

Se spaventati dall’aggettivo “lunghe” prendete una cartina di Bali certo vi sarà chiaro che non è un’isola grande ma non vi fate ingannare. Qui la strade non seguono una logica chiara o perlomeno io ancora non le capisco. Immaginate le montagne russe. Strade che si inerpicano su per una collina e poi scendono di colpo, girano intorno ad un fiume e si snodano in qualsiasi direzione sia con ottimo asfalto sia con buchi, ghiaia e terra.

Quindi per fare 90 km da Nord a Sud, ad esempio dall’aeroporto di Denpasar a Lovina, ci vogliono dalle 3 alle 4 ore e mezza. Mi rendo conto che la differenza tra i due tempi sia enorme,  ma ricordatevi che qui il tempo è elastico: celebrazioni, marce di bambini per strada che si preparano alla competizione tra scuole e tante altre cose sono sempre in “agguato”. Ecco perchè serve la macchina per fare anche solo 50 km. Ma che non vi venga in mente di affittarla!!! La guida è a sinistra e solo i balinesi riescono a guidare in mezzo al loro traffico..perchè si conoscono!!! L’esaurimento nervoso con caduta di capelli fulminante sarebbe il minimo che potrebbe succedere se ci mettessimo alla guida. Le regole del codice stradale??? Ma quali regole!!! I semafori sono praticamente inesistenti o al massimo di sono di un solo colore: giallo ad intermittenza, le rotonde non ho ancora capito bene di che forma siano perché non sono circolari e guidando a sinistra le precedenze mi sono oscure. Per non parlare dei motorini, flotte di motocicli sfrecciano a destra a sinistra, in contromano divincolandosi abilmente nel traffico.

Ma la regola d’oro per il traffico balinese è il clacson. Lo usano come avvertimento.. Quindi non per dire:”ma guarda questo come guida” ma viene usato per segnalare “ti sto superando, ci sono anch’io”. Immaginate che concerto di clacson! Se poi per di più siete a Kuta i taxi abusivi (vedi numero 4) usano un colpetto di clacson per chiedervi se volete salire.

Ecco dunque che a Bali il trasporto privato in auto è il mezzo per spostarsi convenzionalmente usato da tutti i turisti. I driver vi accompagneranno ovunque, disposti ad aspettarvi anche ore fuori dal sito che state visitando. C’è “un’agenzia”? Un’app come Uber per poterli trovare? No, qui la forma di comunicazione più usata é la parola, ringraziando il cielo. Se avete prenotato anche solo la prima notte a Bali nel vostro hotel/guest house/hostel/resort potrete chiedere a chi vi accoglie se vi trova un driver per girare l’isola. Se avete speso più di 50 euro (esclusa zona Kuta) per dormire significa che il vostro hotel di “lusso” avrà pacchetti già predefiniti con i propri driver al vostro servizio; non vi resterà che scegliere quale tra le diverse opzioni vi ispira di più. Se siete in una sistemazione semplice che non ha tra i suoi servizi i transport, “il cugino, l’amico o il vicino di casa” sarà disponibilissimo ad accompagnarvi dove volete. Qui chiunque abbia una macchina é un driver. Se peró avete tempo e avete in mente dove andare fatevi fare più prezzi, girate a piedi, qui comunicare non é difficile tutti vi salutano,vi chiedono come state, dove andate e se vi possono aiutare. Se dite ho bisogno di un driver state pur certi che nel giro di poco avrete il vostro driver con il quale contrattare un prezzo. La base dei rapporti è la fiducia: i turisti sono trattati benissimo e incappare in fregature é veramente difficile. Sicuramente il prezzo per voi sarà basso, per loro invece sarà una manna dal cielo che li farà ringraziare ancora di più le divinità! Ecco un elenco di prezzi “good for you, good for me”:

  • Denpasar – Lovina  500,000IDR;
  • Ubud – Kuta 200,000IDR;
  • Tour intera giornata dell’EST partendo da Ubud 500,000IDR
  • Tour intera giornata del NORD partendo da Ubud 750,000IDR

Considerate che trattandosi di trasporti privati potete pianificare il viaggio come meglio credete, fermandovi dove preferite per scattare una foto, prendere un caffè, mangiare o visitare un’attrazione che si trova sulla strada(o dintorni). Questi prezzi sono inclusi di auto, benzina, autista ma non comprendono parcheggi e ingressi ai siti visitati.

2. BEMO – Distanze brevi per esperienze locali.

Se pensate di fare un giro su un mezzo di trasporto locale usate i bemo. Sono pulmini di 6/8 posti che trasportano la gente locale da un mercato tradizionale all’altro tra i diversi paesi. Incapperete in donne che trasportano cesti ingombranti di verdura, frutta, offerte o polli vivi che, allo sbattere d’ali, riempiranno il piccolo abitacolo di piume e penne. I bemo non sono per nulla affidabili: cioè partono quando sono pieni, non hanno un orario e se salite su uno di questi quando é vuoto l’autista, in quanto proprietario del mezzo, diventerà il vostro driver e quindi vi chiederà un cifra spropositata per un breve tratto. Io per necessità ne ho preso qualcuno ma soldi alla mano 5000/10000IDR li ho consegnati al conducente per il breve tratto fatto. Oggi i bemo vengono poco utilizzati anche dalla gente del posto perchè quasi tutti ha un motorino.

3. MOTORINO – Distanze brevi in libertà.

Se pensiamo alla multifunzionalità il trasporto più pittoresco è sicuramente il motorino. E’ usato per trasporti pesanti come parabole, per trasporti fuori misura come pali per i penjor, per trasporti per il tempio con cesti multi-piano di frutta, per trasporti di pennuti trattenuti per le zampe o sotto la giacca del conducente, per trasporti famigliari in formazione a piramide, in genere padre alla guida, madre al seguito e i bambini, il più grande in piedi tra le gambe dl padre, il piccolo come il prosciutto tra due fette di pane in braccio alla mamma. Ma i balinesi lo usano anche per pochi metri. E’ come il cellulare per noi. Impossibile vivere senza.

L’uso del motorino a Bali é l’esperienza più divertente e comoda per poter godere delle bellezze dell’isola in assoluta tranquillità e indipendenza. Come ogni altra cosa affittare un motorino é semplicissimo. Le strutture organizzate dispongono di numerosi motorini che affittano a 50.000IDR al giorno e vi richiedono la patente internazionale, ma se ne siete sprovvisti, il motorino ve lo affitteranno lo stesso dicendovi di fare attenzione. Cavalcate il vostro motorino ma attenzione a non spingervi nella zona di Lake Batur dove si concentra la maggior parte dei poliziotti “furbetti” che vi fermerà sicuramente cercando di farvi pagare una multa di 100.000 IDR sia che siate in regola oppure no. Ora sta voi: se possedete tutte le carte, siete agguerriti e vi da fastidio l’ingiustizia chiedete il nome e i dati del poliziotto, ditegli che vi rivolgerete all’ambasciata e (probabilmente) dopo qualche battibecco vi lascerà andare per aspettare il prossimo malcapitato turista non in regola che aprirà sicuramente il portafoglio.

Ultimo consiglio: con il motorino richiedete anche i caschi, qualcuno si dimentica di darvelo perchè l’usanza è: per le brevi distanze l’acconciatura è più importante.

4. TAXI – Solo nelle zone turistiche del SUD

Se arrivati a Denpasar non avete chi vi aspetta con il cartello col vostro nome agli arrivi, nessun problema, dirigetevi al banco dell’unica compagnia di taxi che ha l’esclusiva all’aeroporto, date la destinazione e con un prezzo fisso il conducente del taxi vi preleverà e vi porterà in hotel. Se soggiornerete a sud di Bali è giunto il momento di fare ordine nella giungla di taxi che sfrecciano numerosi per le strade.

Nelle città esiste solo una compagnia “ufficiale” mentre tutte le altre “furbette” approfittano dei turisti poco accorti.
ATTENZIONE: Se vuoi evitare una truffa bella e buona leggi qui

5. BICICLETTA o A PIEDI – Distanze Brevi ecologiche. 

Nelle risaie nei dintorni di Ubud la bicicletta può essere una valida alternativa al motorino o alle passeggiate. Quest’anno ho visto molti più turisti, per lo più francesi, in giro in bici accompagnati da guide locali. Personalmente non lo farei perchè le salite sono veramente dure da affrontare, ma se siete degli amanti della bicicletta e vi siete allenati duramente alle lezioni di spinning qui potrete vedere i risultati.

Usare le scarpe come mezzo di trasporto nei centri turistici non è così semplice perchè dovrete avere molta pazienza a dire di no a tutte le offerte di taxi/transport che vi arriveranno… Non so perchè ma i balinesi credono che i turisti non camminino… Forse perchè loro per fare 10 metri usano il motorino.

Dunque non vi resta che scegliere il giusto transport per voi e per la vostra meta, ma ricordate non sarà il mezzo, ma la disponibilità delle persone che vi permetteranno di godere delle bellezze balinesi.

6. AUTOBUS di linea per viaggiatori in solitaria

 Se viaggiate da soli probabilmente il modo più economico di coprire lunghe distanze è prendere i Bus di linea Perama Tour. Questa compagnia indonesiana offre trasporti in tutta l’indonesia inclusa Bali. I costi sono molto contenuti, ad esempio Kuta-Ubud solo andata costa 60.000IDR 

7. Go-Jek, Uber, Grab Taxi per i più tecnologici

Se siete dei geek che adorano la tecnologia non potrete fare a meno di utilizzare le compagnie di trasporti più tecnologiche come Go-jek, Uber o Grab Taxi e provare il servizio. Uber lo conoscono tutti (no?) quindi non vi annoierò, Grab è la versione asiatica di Uber, mentre Go-Jek utilizza le stesse logiche di Uber ma in motorino. Apri l’app, prenoti un driver che verrà a prenderti con il suo motorino o auto e via. Facile no?

Leggi anche: le app utili per il tuo viaggio in Indonesia

ATTENZIONE!!!

A Bali come in moltissimi posti esiste un “cartello”(per non chiamarla mafia) dei driver. Il business dei trasporti è enorme e chi può ne approfitta. Nella maggior parte delle località turistiche vedrete cartelli che “vietano” l’utilizzo di Taxi, Uber o simili. Ovviamente il divieto non è imposto dallo stato ma dai locali boss che gestiscono i trasporti in loco. Per farvi un esempio nella strada che porta alla spiaggia Batu Bolong a Canggu, cioè dove si concentrano la maggior parte dei turisti, i taxi non sono ammessi, io non sapendolo ne ho prenotato uno che mi ha chiamato dicendomi che non voleva venirmi a prendere. Quando sono riuscita a convincerlo è arrivato visibilmente agitato e subito un losco figuro ci è corso incontro agitando una spranga, siamo sfrecciati via come in un film d’azione!  Esperienza da non ripetere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

29 commenti
  1. Michele dice:

    Ho contattato Pande Wirta per le escursioni in settembre, lui non può ma ci sarebbe un suo collaboratore disponibile,mi chiedono 30 € a persona per escursione compreso macchina, autista guida in italiano, dal mattino sino al pomeriggio, esclusi il pranzo e i ticket ingressi vari, vorrei sapere se è una cifra ragionevole.
    Grazie
    Michele

    Rispondi
    • Bali Bagus dice:

      Ciao Michele, il prezzo di un driver normalmente si aggira tra le 500.000 e le 600.000 Rupie per una giornata intera di tour, quindi circa la metà di quello che ti ha chiesto. Devi però tenere in considerazione che lui è una delle guide più gettonate parlanti italiano. Probabilmente qualsiasi driver che parli italiano costerà più di altri che parlano a malapena inglese, quindi vedi tu.

      Rispondi
  2. Monica I Viaggi di Monique dice:

    Che bello scoprire il vostro blog ad un mese dalla partenza x la nostra honeymoon a Bali.
    Info utilissime, grazie.
    Non vedo l’ora, anche se avremo poco tempo, x scoprire quanto di più bello offre Bali.

    Rispondi
    • Bali Bagus dice:

      La maggior parte dei driver parlano inglese e trovare guide parlanti italiano non è facilissimo!
      Detto ciò Pande Wirta è molto richiesto dagli italiani ma è anche molto caro: 30€ al giorno ad personam (a detta di un viaggiatore).
      I driver che conosco parlano solo inglese. Se ti interessano ti invio i contatti.
      Io ti consiglio di non affidarti a nessuna agenzia chiedi nella struttura dove soggiorni saranno felicissimi di aiutarti con un loro driver quindi affidabile, con macchina pulita e confortevole.

      Rispondi
  3. Susanna dice:

    Ciao, abbiamo in programma il viaggio a Bali-Gili ad agosto:(. Siamo in 5, gruppo misto, vorremmo optare per la soluzione driver. Ho due domande la prima se il fatto di essere in 5 può costituire un problema per trovare il mezzo? la seconda per gli spostamenti per es. da Denpasar a Lovina oppure Lovina Ubud è meglio rivolgersi ad agenzie visto che non trattasi di tour con rientro dal punto di partenza.
    grazie
    Susanna

    Rispondi
    • Dani dice:

      Ciao Susanna! Non c’è nessun problema a viaggiare in 5. Quando dei miei amici mi sono venuti a trovare abbiamo “scorrazzato” per l’isola in 8, con driver privato.
      Nel luogo da cui parti contratti con un driver per farti portare alla meta successiva. La maggior parte dei driver sono anche guide e quindi nella tratta di viaggio vi fanno sostare nei luoghi di interesse. Se invece avete voi delle mete da proporre concordate il vostro itinerario.
      Altra soluzione potrebbe essere quella del bus di linea Perama tour che copre le tratte più frequentate e poi sul luogo di interesse girate con il driver o in autonomia con i motorini.
      A Bali ci sono molte opportunità! Basta scegliere quella più consona al Vostro modo di viaggiare.
      Buon viaggio

      Rispondi
  4. andrea varini dice:

    Ciao arrivo sabato 24 a denpasar alle 22 e devo andare a ubud dove ho il primo hotel,qualch’uno mi sa dire se i taxi viaggiano anche di notte a queste distanze?
    Grazie

    Rispondi
  5. Sara dice:

    Ciao, sto organizzando il mio viaggio a Bali per settembre e sto leggendo un pò di consigli qua e là, e avrei intenzione di affidarmi a un driver per un paio di giri che vorrei fare (Ulun Danu Bratan e Sekumpul waterfall), secondo te è fattibile? mi costerà molto? partendo da Ubud dove starò 4 notti.
    La seconda è più “vicina” a Ubud (Rice Terrace Tegallalang e Tirta Empul).
    Sapresti darmi delle informazioni o consigli in merito?
    Vorrei dedicarci del tempo e non tour organizzati per questo pensavo di affidarmi a un driver sempre che non costi molto un giro del genere (credo che non ci voglia una giornata intera ma con una sveglia presto penso che mezza giornata basti)

    Grazie in anticipo!

    Rispondi
    • Dani dice:

      1)Ulun Danu Bratan e Sekumpul waterfall: A Bali tutto è fattibile, chiedi e sarai soddisfatta. Una giornata di tour in media costa 700.000 IDR ma contrattando puoi abbassare il prezzo. Per questo tour ti consiglio driver e se vuoi goderti le cascate, fare il bagno ecc., considera una giornata intera. Potresti aggiungere a questo tour, dato che lo trovi sulla strada Il Tirta Gangga a Tampaksiring e dopo le waterfall una sosta a Munduk. Chiedi in hotel il driver.
      2)Per Tegallalang e Tirta empul se guidi il motorino ci arrivi da Ubud in 20 minuti. Se vuoi prendere il driver in mezza giornata fai tutto inserendo una Kopi Plantation. Sopra Tegallalang c’è Paolina Plantation, molto carina!!!

      Rispondi
  6. Dijana dice:

    Ciao Dani,
    grazie per queste informazioni utilissime 🙂 io ed il mio fidanzato vorremmo concederci 10 giorni romantici (senza prole al seguito) il prossimo settembre…
    Ci consigli di prenotare una sola sistemazione spostandoci da li per visitare l’isola oppure di prenotare magari 2 alloggi, 1 per i primi giorni in una determinata zona ed il secondo altrove ?

    Grazie mille !!!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *